[Cinquanta Sfumature di Bianco]
Scritto da Elena il 12 February 2018 / 0 COMMENTI
I 5 profili più comuni di aspiranti Wedding Planner

Descrivo i 5 profili più comuni che da un giorno all’altro incontriamo sul nostro cammino di  aspiranti Wedding Planner: se anche tu ne fai parte, non ti spaventare, sappi che una su mille ce la fa!

[NdA: questo post è “tutto un equilibrio sopra la follia” tra il serio e l’ironico! Nessuna sposa e nessun Wedding Planner è stato maltrattato per scrivere questo post! 🙂 ]

Ti descrivo le 5 esponenti più pericolose di questo nuovo trend!

  1. Le “neo spose“: siccome hanno organizzato UN matrimonio, il loro, ritengono di essere perfettamente in grado di organizzarne altri. D’altronde hanno anche già selezionato i fornitori migliori (migliori PER LORO!) … e poi si sono così divertite!!! Peccato che al matrimonio loro fossero LA SPOSA e non la Wedding Planner!  “Come si diventa Wedding Planner? bhè… che ci vuole? Ho organizzato il MIO matrimonio, mi sono tanto divertita, tutti mi hanno detto che è stato stupendo! Adesso mi iscrivo ad un corso online, apro una pagina FB e via, si parte!”
  2. Le “annoiate“: fanno un lavoro ripetitivo, poco stimolante, e si immaginano che fare la WP sia tutto un fuoco d’artificio, fiocchetti e confetti! Gli uffici amministrativi sono una fucina inesauribile di aspiranti WP. Spiacente di deludervi, ma prima di attaccare un fiocchetto avete mesi e mesi di email, fogli excel, telefonate, … vi suona familiare come lavoro?
  3. Le “faccio un altro mestiere, ma arrotondo facendo la WP“: cosa ci vuole a passare dal fare il grafico a fare anche il WP? o da fiorista a vendersi come WP? “Tanto qualche contatto ce l’ho… la confettata posso anche allestirla io, ho buon gusto!”  Devo aggiungere altro? Se io mi mettessi a fare il vostro mestiere, qualcosa da ridire lo avreste, vero? perchè una professione non si improvvisa dalla sera alla mattina!
  4. Le “mi piacciono tanto i matrimoni e sono così brava nell’handmade“: mi fa piacere! spero che tu venga invitata a quanti più matrimoni possibili, ma come INVITATA appunto, perchè come WP avrai molto meno tempo di goderti il matrimonio (devi correre!!!) e non sempre le tue doti manuali saranno apprezzate (ci sono i professionisti)!
  5. Le “crisi di mezz’età“: “i bambini sono grandi, il nido è vuoto, ho tanto tempo da riempire, ho bisogno di nuovi stimoli e nuove sfide” … che dire? L’alternativa della macchina sportiva trovo che sia valida anche per le donne! E si fanno meno danni!

Dev’essere questo che pensano le tante (troppe) Wedding Planner che spuntano come funghi e che, quasi mi duole dirlo, durano anche come tali!

Quindi, come si diventa Wedding Planner?

Il mestiere del Wedding Planner è uno di quei mestieri in cui è necessario fare pratica, fare l’apprendista, imparare sul campo! Non si improvvisa, richiede un grande investimento di tempo ed energie!

Imparare ad un corso come si fa un centrotavola non vi servirà a niente! Studiare nozioni di marketing, florovivaistica, informatica, architettura, moda, musica, contabilità, vi servirà molto di più!

è un percorso lungo e lento!

è un mestiere che richiede tanto sacrificio (scordatevi i weekend al mare) e tanta forza (morale e muscolare!)

è una professione in cui se ti improvvisi, ti bruci!

Quindi cari giovani virgulti, care aspiranti Wedding Planner, contate almeno fino a 10 prima di buttarvi sul mercato e se dopo aver analizzato con onestà le vostre competenze, le vostre motivazioni e capacità avete deciso di intraprendere la professione, fate almeno un corso di formazione con Le Signore degli Anelli, qui vi spieghiamo perchè! 😉

 

 

Commenti
Lascia un commento